Rent a friend e finti fidanzati: servizi online per i rapporti sociali

Se internet è il motivo per il quale si hanno sempre meno rapporti sociali, lo stesso internet cerca di trovare una soluzione, non una cura, ma un mero palliativo alla crisi di questo secolo. Sembrava assurdo fino a pochi anni fa che ci fosse una fine così tragica delle relazioni sociali, sempre più in disuso ed obsolete, e laddove internet era il modo dei più timidi per riuscire ad avere dei contatti con altre persone dietro il rassicurante tepore del display del PC, oggi sempre meno persone riescono a comunicare, forse spiazzate dai troppo mezzi di comunicazione.

È così, il nuovo secolo vive di contraddizioni e, in parte, ne muore. Se tutti siamo ogni giorno collegati sui social senza alzare lo sguardo verso il vicino di autobus, trovare un fidanzato o un nuovo amico reali, è pura utopia. Nascono così due servizi, rigorosamente online, che permettono di avere un nuovo amico o un finto fidanzato (o finta fidanzata).

rent-a-friend-sito-web

A pagamento, come piace fare in quest’epoca, possiamo affittare un amico o comprare un finto fidanzato su Facebook per un periodo di tempo limitato. I siti internet, entrambi attivi anche in Italia, sono rentafriend.com e finitifidanzati.com. Il prezzo dei due servizi è similare, circa 50 euro. Su finti fidanzati puoi comprare qualcuno che per un periodo di tempo limitato finga di essere la tua anima gemella.

A seconda della bellezza del fidanzato/a, del tipo di post in bacheca, o della relazione espressa (“impegnato con” ha un costo diverso rispetto a “fidanzato con”), il prezzo del pacchetto sale o scende. Tutto rigorosamente virtuale e finto (che spesso poi sono sinonimi).Con rent a friend, invece, si affitta un amico per poter trascorrere con lui qualche ora insieme: mangiare una pizza, bere un caffè, andare al cinema. A patto che si rimanga nella sfera dell’amicizia e non si pretenda nulla di più.

Il primo servizio rimane nella rete, il secondo scivola nella realtà, ma entrambi nascondono lo stesso disagio di un mondo dove per avere un amico o un fidanzato bisogna pagare, e per poter uscire dal virtuale bisogna avere una mano da qualcuno. Possibilmente che non sia virtuale anch’essa, altrimenti che senso avrebbe?